Sensori Antifurto

 

I sensori possono essere di diverso tipo, da esterno, da interno, doppia tecnologia,

 

Rilevatori da esterno
I sensori da esterno hanno una speciale protezione per l’ intemperia, e spesso anche possiedono una tecnologia che gli permette di escludere animali o cose in movimento. Il sensore è posizionato all’ esterno dello stabile per far si che l’ impianto possa andare in allarme ancor prima che i mali intenzionati possono iniziare la loro opera di scasso, quindi dove è possibile cercare di prevedere qualche sensore esterno, oppure posizionare qualche barriera

Barriere ad infrarossi attivi


La barriera a infrarossi attivi è una periferica molto utile, la barriera a infrarossi attivi è costituita da due pezzi, di solito simili fra loro e vengono installati una di fronte all’ altra. Le barriere a infrarossi attivi funzionano in modo molto semplice un pezzo funziona da ricevente e l’ altro da trasmittente di vari fasci di infrarossi, questi creano una barriera invisibile di protezione, a secondo dei modelli possono essere installati in giardini sui recinti oppure fra le finestre. Questo tipo di periferica non è facilmente sabotabile e per questo possiamo ritenerlo abbastanza affidabile.  Il vantaggio più grande della barriera a infrarossi attivi è data dalla versatilità della programmazione, infatti è possibile scegliere   quanti raggi si devono interrompere per mandare il segnale di allarme, questo ci permette di far si che un piccolo animale oppure del fogliame mosso dal vento non ci inviano il segnale di intrusione 


Barriere a microonde


La barriera a microonde è forse la periferica per impianto di allarme più affidabile, il loro funzionamento è semplice e affidabile, a differenza delle barriere a raggi di infrarossi attivi le barriere a microonde sono collegate tra di loro da onde elettromagnetiche ad alta frequenza. La barriera a microonde è utilizzata per coprire grandi distanze, è spesso utilizzata in giardini, cortili e sui recinti, questo perchè il muro invisibile che si viene a creare tra le due barriere compre spazi molto ampi, in fase di installazione è da tener presente una cosa molto importante, i campi elettromagnetici sono spesso soggetti alle condizioni atmosferiche, ciò è quando l’ aria è più pesante per l’ umidità oppure quando ci sono temporali e grandinate il campo elettromagnetico ha più difficolta ad estendersi e quindi si riduce il raggio di azione, è consigliato nella fase di installazione della barriera a microonde di non portarla vicino al suo limite quindi utilizzarle su distanze pari al 70% della loro portata, inoltre dopo aver effettuato l’ installazione fare una prova di funzionamento alla prima giornata umida o piovosa

 

Continua>>>>>>>>>>